CASA DI ELENA MONCALVI E ARIALDO BANFI A MILANO

CASA DI ELENA MONCALVI E ARIALDO BANFI A MILANO

Home » Archivi per Silvia Maresca
CASA DI ELENA MONCALVI E ARIALDO BANFI A MILANO

© Autore: Redazione – Questa immagine è protetta da copyright.

Elena Moncalvi e Arialdo Banfi avevano casa a Milano, numero 36 di via Modena. Avvocato e operatrice sanitaria, si erano conosciuti poco più che ventenni, erano mossi entrambi da passione politica, lui futuro dirigente del Partito d’Azione, lei socialista, militava nel Movimento di unità proletaria (MUP). Arialdo era partito nel 1941 per la Sicilia, tenente nelle zone chiamate di “guerra non guerreggiata”, trasferito poi in Francia, nei territori occupati dagli italiani. Con il 25 luglio 1943, alla caduta del regime fascista, avrebbe abbandonato l’esercito e raggiunto Elena a Milano. Era un’estate di ritorni e incontri, tra i rimasti e chi tornava da anni di carcere e confino. Immaginato e scritto nel 1941 sull’isola di Ventotene, “Per un’Europa libera e unita. Progetto di un manifesto”, opera dei confinati Ernesto Rossi e Altiero Spinelli, diede vigore a spunti di confronto alla clandestinità milanese. Il 27 e il 28 agosto 1943 Elena e Arialdo erano tra i convenuti in via Poerio, nella casa di Mario Rollier e Rita Isenburg, a condividere l’ atto fondativo del Movimento federalista europeo (Mfe), a disegnare un continente amputandone i contorni nazionali, segni antropici di guerra e dominio.
Iniziata la Resistenza Arialdo Banfi andò in Piemonte, a organizzare le formazioni partigiane di Giustizia e libertà in Val Pellice (Torino). Elena Moncalvi divenne staffetta, preparava documenti falsi, prendeva informazioni e trasmetteva messaggi.

Leggi di più

La casa di via Modena divenne base partigiana. Tra gli altri accolse Aldo Valcarenghi, reduce da San Vittore, con cui aveva condiviso la militanza nel MUP – ne era il fondatore – partecipando con lui alla costituzione dopo l’armistizio del Partito socialista di unità proletaria (PSIUP). Diede rifugio ai compagni impegnati nella lotta partigiana nelle brigate Matteotti, tra loro Andrea Beltramini e Sandro Pertini, futuro dirigente socialista del Comitato di liberazione nazionale dell’alta Italia (CLNAI). Il rischio di essere traditi era tangibile, i controlli non esaurivano i sospetti. Non passò molto tempo e un delatore fece il suo nome. Il 12 novembre 1943 Elena Moncalvi fu catturata e rinchiusa a San Vittore. Era sorte comune. In carcere trovò anche Maria Cazzulini, faceva la rammendatrice di tappeti persiani, complice dei primi mesi concitati nella Resistenza milanese. Nei cinque mesi di carcere la sua abitazione non smise di ospitare amici e compagni, nuova padrona di casa la portinaia dello stabile, Marina Rimoldi. Decise di aprire anche i suoi alloggi, improvvisati a sede socialista, Carla Voltolina a fianco del futuro consorte Pertini.
Di nuovo in libertà, nell’aprile del ’44 Elena si mise in contatto con Arialdo, evaso da San Vittore. Riprese il filo interrotto dalla prigionia, ma molto era accaduto. Alcuni compagni erano caduti, di altri catturati si poteva solo sperare, come l’amico Valcarenghi, arrestato dopo il grande sciopero operaio di marzo. Finì nel campo d’internamento di Fossoli, nel modenese, poi deportato a Mauthausen, infine a Gusen. Ne potè dare racconto.
Elena Moncalvi fu attiva nella Resistenza fino all’autunno del 1944. Rimase ferita durante un bombardamento aereo mentre tornava in treno da Caravaggio, dov’era la primogenita Silvia, ancora bambina. Intervenne subito il dottor Moncalvi, suo padre, che le salvò la gamba. Il 18 gennaio 1945 Elena diede alla luce Andrea, videro insieme la Liberazione.

Silvia Maresca

Localizzazione

Località: Milano
Indirizzo: Via Gustavo Modena 36
Comune: Milano
Provincia: Milano (MI)
Regione: Lombardia
Coordinate geografiche: Latitudine 45.470754 – Longitudine 9.218621

U

 

Tag:

FONTI

Bibliografia

M. Alloisio, G. Beltrami, Volontarie della libertà, Milano, Mazzotta, 1981

S. Maresca, Elena Moncalvi Banfi, Cornate d’Adda (Italia) 1912 – Il Cairo (Egitto) 1974, voce biografica nel volume: L’Europa delle donne, a cura di R. Cairoli, Milano, Biblion, 2021

Sitografia
consultata il 5 giugno 2024

Arialdo Banfi 1913-1997, Fondo archivistico digitalizzato e pubblicato nel portale patrimonio.archivio.senato.it
di cui consultati i fascicoli: 2.5.1 processo-penale-contro-banda-koch; 2.9.1 documenti-personali-1

Arialdo Banfi ed Elena Moncalvi con la figlia (Monguelfo, 1943), fotografia pubblicata nel portale www.pertini.it

Banfi Arialdo, voce biografia e descrizione del fondo archivistico a cura della Fondazione di studi storici “Filippo Turati” pubblicate sul sito www.fondazionestudistoriciturati.it

L. Ricciardi, Valcarenghi, il patriota dimenticato, articolo pubblicati sul sito www.avantionline.it

 

 

 

p

ALTRE INFORMAZIONI

Data evento: 1943-1945
Cognome Nome: Moncalvi Elena, Banfi Arialdo
Formazioni d’appartenenza: Partito d’Azione; Partito socialista di unità proletaria (PSIUP); Brigate Giustizia e Libertà; Brigate Matteotti
Data opera: non determinata
Autore: non conosciuto

contatti

CASA DI ELENA MONCALVI E ARIALDO BANFI A MILANO

tipo di messaggio

trattamento dati personali

Servizio aggiornamento schede

Stai consultando l'archivio "Terra di Memorie" e hai trovato un'informazione non corretta? Ti sei accorto di un dettaglio non evidenziato? Desideri aggiungere una fotografia ad una scheda?

Il nostro staff mette a disposizione degli utenti del sito un apposito indirizzo di posta per gli aggiornamenti: redazione@terradimemorie.it

Si prega di inviare una mail indicando le modifiche che si ritiene necessarie e il nostro staff provvederà a verificare l'indicazione al più presto possibile.

CASA DI VIRGINIA SCALARINI A MILANO

CASA DI VIRGINIA SCALARINI A MILANO

Home » Archivi per Silvia Maresca
CASA DI VIRGINIA SCALARINI A MILANO

© Autore: Redazione – Questa immagine è protetta da copyright.

A Milano, in via Giovanni Omboni 7, molti furono i partigiani, militanti nel Partito d’Azione e nelle formazioni partigiane di Giustizia e libertà a conoscere la casa di Virginia Scalarini. Prima di sposarsi vi abitava il padre Giuseppe, fumettista e disegnatore satirico dell’Avanti, autore di vignette che irritarono i potenti e gli causarono numerosi arresti e condanne al confino, l’ultimo sotto il regime fascista a Lampedusa e Ustica alla fine degli anni ’20. Marito di Virginia era lo psichiatra triestino Amos Chiabov, antifascista dai tempi dell’Università a Firenze, quando scriveva per la Giovane Italia. Fu travolto nella scia di arresti seguita all’attentato al re durante la Fiera campionaria milanese del 1928, condannato come molti al confino nell’isola di Ponza. Lì per due anni si unirono idee e sentimenti, immaginando e pianificando le reti di opposizione al regime. Si crearono e saldarono legami umani, per Amos Chiabov significò anche una lunga amicizia con il socialista Lelio Basso. Nella clandestinità seguita all’8 settembre e una nuova identità, Amos, o “dottor Andrea”, ebbe l’incarico nel CLNAI di responsabile dei servizi sanitari, e fece della villa di famiglia a Caldè sul lago Maggiore un avamposto della Resistenza, nascondiglio e base di partenza per superare il confine elvetico.

Leggi di più

Negli alloggi meneghini di via Omboni rimase Virginia, le tre figlie al sicuro in collegio. Le mura e le stanze della casa occultavano tutto ciò che serviva di prezioso per la clandestinità. Cibo, giornali, documenti falsi, e infine armi, che il padre Giuseppe, convinto pacifista e antimilitarista, non avrebbe mai voluto sotto il suo letto. Trovarono ospitalità compagni di lotta, lì si riunivano, e decidevano. Abitarono per un periodo a casa Scalarini Pina Milani Sponzilli, della formazione Gl valdostana, e Lena Vecchietti, di Mondovì, entrambe nella segreteria di Ferruccio Parri a sostituire Marianna Battistella, arrestata nel novembre 1944.
Molteplici furono le forme di resistenza e muto soccorso, nascevano in risposta a vecchie e nuove oppressioni. La via ai campi di sterminio partiva dalla caccia all’ebreo, poi l’allontanamento e la segregazione nei campi di internamento italiani. Virginia Scalarini si occupava di questo, teneva i contatti per conto del Comitato milanese con il Cln di Bolzano per assistere gli internati del campo di concentramento di Gries. Oppositori politici, ebrei, prigionieri di guerra alleati, ma anche zingari, donne e bambini, congiunti di partigiani tenuti in ostaggio. Da fuori si aiutava la resistenza organizzata all’interno del campo, arrivavano denaro, cibo e vestiti. Qualcuno riceveva notizie dalla famiglia. Altri riuscirono a fuggire. Chi aiutava, interno o esterno al campo, Virginia Scalarini e molti con lei, rischiava punizioni e torture. Mine incontrollate per le SS, impegnate a scardinare un ingranaggio centrale e delicato della macchina nazista.

Silvia Maresca

Localizzazione

Località: Milano
Indirizzo: Via Giovanni Omboni 7
Comune: Milano
Provincia: Milano (MI)
Regione: Lombardia
Coordinate geografiche: Latitudine 45.47724 – Longitudine 9.20957

U

 

Tag:

FONTI

Bibliografia
M. Alloisio, G. Beltrami, Volontarie della libertà, Milano, Mazzotta, 1981
L. Valiani, Tutte le strade conducono a Roma, Bologna, il Mulino, 1983

Sitografia
(consultata il 4 giugno 2024)
L’anagrafe dei sovversivi bergamaschi 1904-1943: Chiabov Amos, scheda consultabile sul portale dell’Archivio di Stato di Bergamo asb.midainformatica.it
Bolzano, scheda del campo di concentramento pubblicata sul portale deportati.it
Giuseppe Scalarini,
testo biografico pubblicato sul sito www.scalarini.it

p

ALTRE INFORMAZIONI

Data evento: 1943-1945

Cognome Nome: Scalarini Virginia; Scalarini Giuseppe; Chiabov Amos; 

Formazioni d’appartenenza: Partito d’Azione; Brigate Giustizia e Libertà

Data opera: non determinata

Autore: non conosciuto

contatti

CASA DI VIRGINIA SCALARINI A MILANO

tipo di messaggio

trattamento dati personali

Servizio aggiornamento schede

Stai consultando l'archivio "Terra di Memorie" e hai trovato un'informazione non corretta? Ti sei accorto di un dettaglio non evidenziato? Desideri aggiungere una fotografia ad una scheda?

Il nostro staff mette a disposizione degli utenti del sito un apposito indirizzo di posta per gli aggiornamenti: redazione@terradimemorie.it

Si prega di inviare una mail indicando le modifiche che si ritiene necessarie e il nostro staff provvederà a verificare l'indicazione al più presto possibile.

CASA GOISIS A MILANO

CASA GOISIS A MILANO

Home » Archivi per Silvia Maresca
CASA GOISIS A MILANO

© Autore: Redazione – Questa immagine è protetta da copyright.

Casa Goisis fu nella Resistenza di Milano base partigiana e sede di comando per le formazioni di Giustizia e libertà. A via Andrea Doria 15 abitava una famiglia molto numerosa. Eugenia, Tina, Bice, Ginin e il fratello “Pepp” Goisis avevano accettato di abdicare alla possibilità di chiudersi nell’attesa aprendo le porte alla ribellione e alle azioni clandestine.
Tina era la sorella maggiore. Partiva da Milano per la campagna bergamasca tornando con i rifornimenti di viveri, una parte di questi destinata a chi scontava l’opposizione politica nelle carceri di San Vittore. Da un amico di Bergamo arrivavano documenti immacolati che le sorelle Goisis riempivano di nuove identità. Bice e Ginin erano crocerossine, la prima all’Istituto Tumori, l’altra allo Zonda, il padiglione chirurgico del Policlinico di Milano più volte colpito dai bombardamenti. Direttore del reparto chirurgia dell’Istituto Tumori era già dal 1936 Pietro Bucalossi, allora militante nel Partito D’Azione e poi stretto collaboratore di Ferruccio Parri nel Comitato di liberazione nazionale dell’alta Italia (CLNAI). Era un ottimo oncologo, ma prima di tutto e in quel momento in particolare un medico che non rinnegava il giuramento. All’istituto Bice portava dentro i compagni feriti, li medicava, li nascondeva. Grazie a lei e alla complicità delle religiose dell’Istituto, amici e partigiani ricevevano protezione e cure altrimenti negate.

Leggi di più

Spesso non rientrava a casa Goisis. Dopo il turno di lavoro Bice era la staffetta che consegnava messaggi. Sapeva di dover stare attenta, ogni sera, addosso i documenti da recapitare alla persona giusta. Una in particolare, sconosciuta, si suppone fosse un maresciallo, a lui affidava la maggior parte dei documenti clandestini. A Eugenia un paio di volte andò male, catturata e reclusa in carcere, come molte donne della Resistenza il suo ruolo ciecamente sottovalutato.
Non era facile intuire chi, quanti fossero gli abitanti di casa Goisis. Chi ospitava e che era ospitato. I vecchi paradigmi sociali si erano come dissolti, il mio e il tuo vennero abbandonati in quei venti mesi dove ogni giorno, ogni notte, qualcuno rischiava per gli altri, i confini di ognuno sbiaditi nella causa comune. Questo accadde almeno fino all’irruzione della Muti, corpo militare, segugi e torturatori al soldo della Repubblica sociale e degli occupanti nazisti. Cercavano il partigiano giellino Pepp Goisis e il dottor Bucalossi, lui comparso in un elenco dei componenti del CLNAI finito in mano fascista. Passò in clandestinità per un po’, ribattezzato ‘Guido’. Dal 1953 deputato a Roma nelle fila socialiste del PSDI, arrivò dieci anni dopo sullo scranno più alto di palazzo Marino. Il 25 aprile 1965 era a San Vittore, osservava la posa della lastra che commemora le vite mutilate, interrotte dall’oppressione nazifascista, a donare radici e senso del presente.

Silvia Maresca

Localizzazione

Località: Milano
Indirizzo: Viale Andrea Doria 15
Comune: Milano
Provincia: Milano (MI)
Regione: Lombardia
Coordinate geografiche: Latitudine 45.48604 – Longitudine 9.21146

U

 

Tag:

FONTI

Bibliografia
M. Alloisio, G. Beltrami, Volontarie della libertà, Milano, Mazzotta, 1981

D. De Angelis, Pietro Mancini. La spontaneità come pratica, Roma, Gangemi, 2012

 

 

p

ALTRE INFORMAZIONI

Data evento: 1943-1945
Cognome Nome: Eugenia Goisis; Tina Goisis; Ginin Goisis; Bice Goisis; Pepp Goisis; Pietro Bucalossi
Formazioni d’appartenenza: Partito d’Azione; Brigate Giustizia e Libertà
Data opera: non determinata
Autore: non conosciuto
Note: la localizzazione di Casa Goisis all’indirizzo attuale di Viale Andrea Doria 15 a Milano deve trovare riscontro

contatti

CASA GOISIS A MILANO

tipo di messaggio

trattamento dati personali

Servizio aggiornamento schede

Stai consultando l'archivio "Terra di Memorie" e hai trovato un'informazione non corretta? Ti sei accorto di un dettaglio non evidenziato? Desideri aggiungere una fotografia ad una scheda?

Il nostro staff mette a disposizione degli utenti del sito un apposito indirizzo di posta per gli aggiornamenti: redazione@terradimemorie.it

Si prega di inviare una mail indicando le modifiche che si ritiene necessarie e il nostro staff provvederà a verificare l'indicazione al più presto possibile.

PALAZZO DELLA COMIT, BANCA COMMERCIALE ITALIANA A MILANO

PALAZZO DELLA COMIT, BANCA COMMERCIALE ITALIANA A MILANO

Home » Archivi per Silvia Maresca
PALAZZO DELLA COMIT, BANCA COMMERCIALE ITALIANA A MILANO

© Paolobon140 – Questa immagine è protetta da copyright.

La Banca commerciale italiana, Comit, ebbe in piazza della Scala a Milano la sua Direzione centrale, nell’edificio progettato dall’architetto Luca Beltrami, ultimato nel 1906. Dalle origini mitteleuropee alla governance di Giuseppe Toeplitz negli anni’20, la Commerciale richiamò menti che brillavano di competenza e iniziativa, cresciute negli studi giuridici ma anche letterari, abili interpreti delle realtà industriali di cui la banca era creditrice. La sua importanza strategica e le attività complesse quanto cruciali per l’economia italiana ne dissuasero il controllo diretto del regime fascista.
Sergio Solmi fu assunto dalla Comit il 14 gennaio 1926. Nella lettera di assunzione compare la raccomandazione di Raffaele Mattioli, che conobbe poco tempo prima a Torino, in un incontro organizzato da Piero Gobetti. Nella casa torinese di via Fabro nacquero molte amicizie intessute di filosofia e poesie quanto di antifascismo, legami sopravvissuti alle aggressioni squadriste che immolarono il corpo del direttore della “Rivoluzione Liberale”. Solmi doveva trasferirsi con sua moglie, Dora Martinet, a Milano, dove inizialmente trovò lavoro in uno studio legale.

Leggi di più

Aveva intrapreso la strada del giurista per bisogni economici, e fu felice di ritrovare appena varcata la soglia e le mura imponenti della Banca commerciale proprio Mattioli, appena insediato alla Comit come segretario del direttore Toeplitz.
Solmi era poeta, scriveva su testate culturali, dai commenti su Leopardi alle critiche positive dell’amico Eugenio Montale, e intanto le sue preziose consulenze che gli valsero la proficua carriera andavano oltre i codici e i numeri, ci mise la sua intuizione e la sua sensibilità, come avrebbe ricordato il suo storico collaboratore Gianfranco Saglio. Mentre Solmi diventava procuratore, nel 1934 all’Ufficio Studi guidato dal filosofo Antonello Gerbi arrivò l’antifascista e futuro fondatore del Partito d’Azione Ugo La Malfa.
Mattioli li invitava tutti nel suo salotto di via Bigli, incrocio notturno di pittori e funzionari di banca, professori e scrittori ribelli, dove La Malfa e i colleghi della Comit incontrarono antifascisti della prima ora, come Adolfo Tino e Ferruccio Parri. Intanto al terzo piano della Comit, in particolare nell’Ufficio Studi, prendeva forma l’attività cospirativa azionista, dove circolavano idee democratiche, socialiste, liberali, in uno spirito solidale e volontà di cambiamento.
Nel 1942 Tino, La Malfa e Mario Vinciguerra misero nero su bianco i sette punti fondativi del Partito d’Azione nel primo numero del giornale di propaganda “Italia libera”, le cui bozze rimasero protette nella cassaforte della Comit per andare in stampa nel gennaio 1943.
Dopo la caduta del regime il 25 luglio Milano venne piegata dai bombardamenti alleati, e l’edificio della Banca Commerciale fu forse l’unico in piazza della Scala a non subire danni. Avrebbe retto nei 45 giorni badogliani, l’allontanamento a Roma di Mattioli e La Malfa dopo l’8 settembre e poi la tenaglia del potere nazifascista.
Tra i funzionari e uomini di riferimento del Partito d’Azione rimase innanzitutto Sergio Solmi, che operava da capo della Sezione consulenza del Servizio contenzioso, poi Ufficio legale.
Nel febbraio 1944, con le prime vittorie e le bande partigiane di Giustizia e libertà che ingrossavano le fila, l’azionista Leo Valiani, impegnato nell’organizzazione e nelle comunicazioni per il PdA, una volta a Milano trovò copertura negli uffici della Commerciale, mentre la città si preparava allo sciopero nazionale del 1 marzo. Avrebbe ricordato Valiani i numerosi appuntamenti di militanti e partigiani al terzo piano della banca, lo scambio di documenti falsi e delle numerose notizie tramite bigliettini di appuntamenti. E Sergio Solmi che presidiava: “tutti facevano capo a lui”.
La base cospirativa rimase nascosta, occultata dietro la solidità istituzionale del suo marmo bianco, superando la lontananza di Mattioli che dirigeva da Roma e agiva nella Resistenza capitolina.
Eppure il 2 gennaio 1945 l’inossidabile Solmi ebbe un primo arresto, che si risolse presto in una fuga da una cella aperta e un corridoio deserto. La seconda volta, tornato a Milano e riconosciuto mentre viaggiava sul tram, fu incarcerato a San Vittore il 6 aprile. Riuscì a non tradire i compagni, nonostante le vessazioni riservate agli oppositori politici. Per lui e per molti altri le porte del carcere si schiusero il 25 aprile, nella Milano liberata.

Silvia Maresca

Localizzazione

Località: Milano

Indirizzo: Piazza della Scala 6

Comune: Milano

Provincia: Milano (MI)


Regione: Lombardia

Coordinate geografiche: Latitudine 45.46755 – Longitudine 9.19138

 

U

 

Tag:

FONTI

Bibliografia
Bacchelli, Le notti di via Bigli: quarant’anni di confidenza con Raffaele Mattioli, (a cura di Marco Veglia), Bologna, Il Mulino, 2017

Cairoli, D. Migliucci, Comandante Franco : storia di Italo Busetto, partigiano, comunista, sindacalista (1915-1985), Sesto San Giovanni, Archivio del Lavoro; Milano, Fisac Cgil Milano e Lombardia, 2022

 

Sitografia
consultata il 25/5/2024

B. Croce, Ricordo di Leone Ginzburg, articolo pubblicato in «Italia libera», 27 ottobre 1944, fruibile nel portale
patrimonio.archivio.senato.it

G. Montanari, M. L. Cairo (Archivio Storico Intesa Sanpaolo), Carte di Sergio Solmi, capo della Consulenza legale della Comit durante il periodo bellico e nel dopoguerra (1942-1953), pubblicato sul sito www.istoreto.it

Sergio Solmi tra letteratura e banca, saggio pubblicato in «Archivio Storico Intesa Sanpaolo. Monografie», n. 9, 2016. Consultabile sul sito sapegno.it

 

 

 

 

p

ALTRE INFORMAZIONI

Data evento: 1943-1945

Cognome Nome: La Malfa Ugo; Mattioli Raffaele; Sergio Solmi

Formazioni d’appartenenza: Partito d’Azione; Brigate Giustizia e Libertà

Data opera: 1911

Autore: Luca Beltrami (architetto)

contatti

PALAZZO DELLA COMIT, BANCA COMMERCIALE ITALIANA A MILANO

tipo di messaggio

trattamento dati personali

Servizio aggiornamento schede

Stai consultando l'archivio "Terra di Memorie" e hai trovato un'informazione non corretta? Ti sei accorto di un dettaglio non evidenziato? Desideri aggiungere una fotografia ad una scheda?

Il nostro staff mette a disposizione degli utenti del sito un apposito indirizzo di posta per gli aggiornamenti: redazione@terradimemorie.it

Si prega di inviare una mail indicando le modifiche che si ritiene necessarie e il nostro staff provvederà a verificare l'indicazione al più presto possibile.

TARGA IN MEMORIA DI PILO ALBERTELLI E ALTRI PARTIGIANI DELLA SESTA ZONA DEL PARTITO D’AZIONE A ROMA

TARGA IN MEMORIA DI PILO ALBERTELLI E ALTRI PARTIGIANI DELLA SESTA ZONA DEL PARTITO D’AZIONE A ROMA

Home » Archivi per Silvia Maresca
TARGA IN MEMORIA DI PILO ALBERTELLI E ALTRI PARTIGIANI DELLA SESTA ZONA DEL PARTITO D’AZIONE A ROMA
© Renio Linossi – Questa immagine è protetta da copyright.
I partigiani della VI zona del Partito d’Azione di Roma che videro la Liberazione della città dedicarono a Pilo Albertelli e ad altri compagni caduti per mano nazifascista una targa in marmo bianco, ancora visibile, affissa sulle mura aureliane di viale Castrense, a Porta San Giovanni. Si legge: “Durante la lotta clandestina / contro l’oppressione tedesca / riscattando la coscienza italiana / dal servaccio nazi-fascista / caddero / Albertelli Pilo / Annarumi Bruno / Bordoni Manlio / Gallarello Antonio / Giorgi Giorgio / Lungaro Pietro / Pitorri Benedetto / Rossi Umberto / Salemme Felice / Selva Luigi / ai martiri gloria nei secoli / vergogna agli immemori / I compagni della sesta zona / del Partito d’Azione / posero a ricordo perenne / nel I anniversario marzo 1945”.
Alcuni furono arrestati insieme, altri in solitudine, traditi da spie e delatori. Finirono a Regina Coeli, dopo le torture subite alla pensione d’Oltremare o nelle carceri di via Tasso dalla banda Koch. Pilo Albertelli, Bruno Annarumi, Giorgio Giorgi e Felice Salemme morirono il 24 marzo 1944, fucilati dai nazisti alle Fosse Ardeatine. Tra le 335 vittime della rappresaglia nazista, 75 erano uomini del Partito d’Azione romano.
Il professore di filosofia Pilo Albertelli aderì al gruppo azionista fin dalla sua fondazione, nel giugno del 1942. Il padre Guido, parlamentare socialista, gli aveva consegnato il mito risorgimentale di Giuseppe Mazzini, esempio di aderenza vitale alla libertà e all’impegno civile che il figlio abbracciò senza riserve. A Parma, era l’ultimo anno di liceo, Pilo Albertelli vide lo studio paterno incendiato dai fascisti. Trasferito a Roma con la famiglia, si immerse negli studi di filosofia antica, amò gli eleati e Platone, le loro riflessioni porte per dialogare col presente.
Leggi di più
Era ancora all’università quando nel 1928 fu arrestato per attività antifascista a Milano, condannato a cinque anni di confino, commutati infine a tre anni di sorveglianza speciale, che nei fatti andò ben oltre le prescrizioni ufficiali. Insegnò filosofia ai liceali di Livorno e Formia, al Tasso e all’Umberto I di Roma, ancora oggi liceo classico “Pilo Albertelli”. Entrati in classe, al riparo dai riti e dagli obblighi del regime, gli studenti si aprivano alla conoscenza attraverso il dialogo, con il filosofo che insegnava senza impartire nozioni, con cui dubitare e costruire un sapere comune. Scrisse di educazione e di quanto gli insegnanti dovessero rispondere solo ai più alti valori morali, pubblicò saggi filosofici, ottenne la libera docenza in università. Poi Pilo Albertelli mise tutto questo e la sua stessa persona a servizio della lotta partigiana.
Già collaboratore del giornale clandestino del Partito D’Azione “Italia libera”, verso la fine di agosto del 1943 venne ingaggiato dal giellista Emilio Lussu e dal repubblicano ed ex capo degli Arditi del popolo Vincenzo Baldazzi per organizzare squadre d’azione cittadine, scelto come mediatore tra la base e i dirigenti di partito. Ci furono i primi reclutamenti e recuperi di armi, ma fu all’indomani dell’armistizio dell’8 settembre, con la difesa di Roma dall’avanzata tedesca, che il Partito d’Azione tramutò rapidamente la propria organizzazione. Nel caos generale gli azionisti riuscirono a svuotare le caserme abbandonate raccogliendo grandi quantità di armi da fuoco ed esplosivi, depositandone una buona parte al chiostro di San Giovanni e nella falegnameria Gallarello in via Santa Croce di Gerusalemme, di lì a poco centro organizzativo della VI zona del Partito d’Azione e luogo di riunione del Comitato militare romano. Pilo Albertelli fu spesso nei locali di Vincenzo Gallarello e del padre Antonio a discutere fitto con il vice Armando Bussi mentre le nuove reclute si misuravano con l’uso di fucili, bombe e detonatori, apprendendo dagli ex arditi e militari metodi di guerriglia urbana. Lì si sarebbe costituita la Squadra speciale sabotatori del Pd’A che agì nei mesi di occupazione.
Il 18 e il 19 novembre 1943 l’organizzazione azionista subì un primo contraccolpo nella redazione de l’“Italia Libera”. La polizia fascista arrestò tutti, tipografi e redattori, nella casa di Stefano Siglienti in via Basento n. 55, compreso il direttore Leone Ginzburg. Si sarebbe salvata la maggior parte di loro. Ginzburg morì nell’infermeria di Regina Coeli il 5 febbraio del ’44 a causa delle atroci torture. Con lui dovette subire un simile accanimento l’impaginatore Benedetto Pitorri, morto a causa delle sevizie poco dopo l’uscita dal carcere il mese di aprile.
L’azione squadrista del reparto speciale di polizia guidato da Pietro Koch (banda Koch) sguinzagliato dalla Questura romana dal dicembre 1943, fu determinante grazie all’infiltrazione sempre più capillare di spie fasciste al soldo delle SS tedesche nei gruppi azionisti romani. Tra di loro Franco Sabelli e Armando Testorio furono i maggiori responsabili della cattura di giovani militanti del Pd’A, diversi appartenenti all’ARSI, l’associazione rivoluzionaria studenti italiani, con cui Pilo Albertelli teneva contatti dall’8 settembre. Giorgio Giorgi, classe 1921, impiegato all’Innocenti e studente di Scienze economiche alla Sapienza, fu incastrato da Sabelli e arrestato dalle SS in piazza Barberini. Manlio Bordoni e Felice Salemme furono tra i molti catturati a Roma il 12 gennaio 1943. Il ventiduenne Bordoni, impiegato alle poste e regista teatrale di filodrammatica, fu prelevato dalla sua abitazione al civico 95 di via Taranto e portato in via Tasso. Fu torturato anche all’hotel Flora prima di essere rinchiuso come Giorgi nel terzo braccio di Regina Coeli. Pochi giorni dopo arrivò il turno di Luigi Selva. Avrebbe compiuto diciassette anni il 4 aprile. Fucilato da Sabelli in un tentativo di fuga e morto qualche giorno dopo all’ospedale di San Giovanni.
Alla fine di gennaio iniziarono gli arresti più consistenti, decretando la decimazione dell’organizzazione militare azionista. Il 3 febbraio 1944 fu perquisita la falegnameria Gallarello. La polizia fascista vi trovò casse di munizioni, arrestò il padre del partigiano Vincenzo Gallarello, Antonio, e con lui il giovane Bruno Annarumi.
Il 2 febbraio Giovanni Ricci, capo di stato maggiore del PdA, riuscì a fuggire dalla cattura ad opera della Banda Koch. Ormai compromesso, il suo ruolo andò in capo a Pilo Albertelli, che divenne il punto di riferimento nell’organizzazione, mantenendo anche il ruolo di coordinatore militare. Per ventisei giorni non ebbe sosta, coadiuvato da Armando Bussi che curava le attività di informazione tra le squadre cittadine, moltiplicò gli sforzi mentre si rendeva conto di un pericolo sempre più crescente. Il delatore Gerardo Priori lo fece catturare il 1 marzo 1943. Le sevizie che la banda Koch gli inflisse alla pensione d’Oltremare non gli cavarono un nome né alcuna informazione. Dopo le minacce alla moglie e ai figli tentò il suicidio, due volte. A Regina Coeli ritrovò in cella Aldo Eluisi, ardito del popolo e anarchico, compagno di lotta nel Partito d’Azione. Uscirono insieme il 24 marzo, i loro nomi nell’elenco dei 330 condannati.

Localizzazione

Località: Roma
Indirizzo: Viale Castrense 60
Comune: Roma
Provincia: Roma (RM)
Regione: Lazio
Coordinate geografiche: Latitudine 41.88603 – Longitudine 12.51006

U

 

Tag:

FONTI

Bibliografia
Pilo Albertelli, a cura del Partito d’Azione nel primo anniversario della morte Roma 24 marzo 1945, Roma, L’arciere, 1945
F. M. Fabrocile, Il segnale dell’elefante: storia della mancata insurrezione del Partito d’Azione a Roma “città aperta”, Cava de’ Tirreni (SA), Marlin, 2017
G. Ranzato, La liberazione di Roma : alleati e Resistenza (8 settembre 1943-4 giugno 1944), Roma, Laterza, 2019

Sitografia
consultata il 26 febbraio 2024
G. Albertelli, Albertelli Pilo, articolo pubblicato su www.letteraicompagnirivista.com
C. Muscetta, La sventurata “Italia libera”, in «Mercurio: mensile di politica, arte, scienze», [1944], copia digitale www.google.it/books/edition/Mercurio
Episodio: ospedale San Giovanni Roma 17.01.44, scheda pubblicata sul portale www.straginazifasciste.it
I caduti del Partito d’Azione alle Fosse Ardeatine, articolo a cura di Giorgio Giannini pubblicato su www.circologiustiziaeliberta.it
Le vittime: Antonio Gallarello, scheda biografica in www.mausoleofosseardeatine.it
Le vittime: Bruno Annarumi, scheda biografica in www.mausoleofosseardeatine.it
Le vittime: Ermelindo Pietro Lungaro, scheda biografica in www.mausoleofosseardeatine.it
Le vittime: Felice Salemme, scheda biografica in www.mausoleofosseardeatine.it
Le vittime: Giorgio Giorgi, scheda biografica in www.mausoleofosseardeatine.it
Le vittime: Manlio Bordoni, scheda biografica in www.mausoleofosseardeatine.it
12 gennaio 1944, articolo pubblicato sul sito www.letteraicompagnirivista.com
19 novembre 1943: la polizia fascista scopre la tipografia in cui veniva stampata “Italia Libera”. Tra gli arrestati Leone Ginzburg, articolo pubblicato sul sito www.letteraicompagnirivista.com
20 gennaio 1944, articolo pubblicato sul sito www.letteraicompagnirivista.com

 

 

 

p

ALTRE INFORMAZIONI

Data evento: dicembre 1943 – aprile 1944

Cognome Nome: Albertelli Pilo, Annarumi Bruno, Bordoni Manlio, Gallarello Antonio, Giorgi Giorgio, Lungaro Pietro, Pitorri Benedetto, Rossi Umberto, Salemme Felice, Selva Luigi

Formazioni d’appartenenza: Partito d’Azione; Brigate Giustizia e Libertà

Data opera: marzo 1945 (affissione)

Autore: non conosciuto. Opera commissionata dal Partito d’Azione

Note: di alcuni partigiani non sono state trovate informazioni.
Si segnalano targhe a Roma in memoria di: Antonio Gallarello e Bruno Annarumi, in via di S. Croce in Gerusalemme 28; Manlio Bordoni e Felice Salemme, in via Taranto 95; Giorgio Giorgi, in via Principe Amedeo 102; Pietro Lungaro, in via di S. Vitale 15 (pietra d’inciampo davanti alla Questura di Roma); Luigi Selva, in via Taranto 6.

contatti

TARGA IN MEMORIA DI PILO ALBERTELLI E ALTRI PARTIGIANI DELLA SESTA ZONA DEL PARTITO D’AZIONE A ROMA

tipo di messaggio

trattamento dati personali

Servizio aggiornamento schede

Stai consultando l'archivio "Terra di Memorie" e hai trovato un'informazione non corretta? Ti sei accorto di un dettaglio non evidenziato? Desideri aggiungere una fotografia ad una scheda?

Il nostro staff mette a disposizione degli utenti del sito un apposito indirizzo di posta per gli aggiornamenti: redazione@terradimemorie.it

Si prega di inviare una mail indicando le modifiche che si ritiene necessarie e il nostro staff provvederà a verificare l'indicazione al più presto possibile.